domenica 30 aprile 2017

AUMENTATI DEL 20% I BARBONCINI CHE SI CHIAMANO DUDU'

Milano (30 aprile 2017) -  I cani di razza barboncino che all'atto di registrazione sono stati chiamati con il nome di Dudù sono aumentati complessivamente del 20% nel corso degli ultimi cinque anni. Un dato curioso che pare proprio derivare dall'emulazione del nome da quello del barboncino più famoso di tutti: quello di Silvio Berlusconi un po il capostipite del ritorno dei barboncini nelle case degli italiani. Già perchè non solo sono aumentati i barboncini che hanno preso il nome del cane della coppia Berlusconi-Pascale ma in questi cinque anni sono aumentati di circa il 15% i barboncini entrati nella vita quotidiana delle famiglie italiane, cosi da poter dire che dopo i cani Chihuahua, Pinscher e i Bull inglesi e francesi i barboncini sono quelli che hanno avuto il maggior incremento. Ultima curiosità i nuovi Dudù si concentrano particolarmente in Piemonte, Lombardia e Lazio. 

STORIA DI LUPI, PASTORI NON IN REGOLA E BRACCONIERI

Grosseto (30 aprile 2017) La questione del lupo ucciso e scuoiato probabilmente dai bracconieri (ma su questo cosi come sulle motivazioni lasciamo che i carabinieri forestali di Grosseto facciano il loro lavoro,come egregiamente lo stanno facendo in queste ore) apre una nuova seria riflessione sulla realtà in cui è maturata. In questa zona ci sono è vero circa una ventina di branchi di lupi, ma a parte un attacco lo scorso anno ultimamente in lupi erano rimasti nelle loro zone senza infastidire pastori e allevatori di pecore e bestiame quindi questo gesto difficilmente potrebbe essere inserito in un contesto di vendetta per gli assalti dei lupi alle greggi (che non ci sono stati) ma rappresenta più probabilmente una provocazione che i responsabili una volta individuati dovranno spiegare in maniera molto, ma molto chiara. Noi non vogliamo gettare la croce addosso a nessuno,ma sicuramente l'esasperante vicenda del piano lupo che al momento non è ancora stato approvato dalla conferenza stato regioni, nel quale per volontà di un ministro dell'ambiente amico dei cacciatori (vedi il caso dell'orsa Daniza in trentino) che di nome fa GALLETTI era stata inserita la clausola dell'abbattimento dei lupi e in prospettiva dei lupoidi (ibridi cane-lupo) poi per fortuna tolta dopo la rivolta non solo degli animalisti ma di buona parte della popolazione, questa esasperazione voluta dal ministro dell' ANTIAMBIENTE  Galletti ha portato poi forse qualche bracconiere al gesto inconsulto.Ma il problema sul quale voglio focalizzarmi è la situazione di assoluta irregolarità e lassismo in cui si trovano il 70% dei pastori e degli allevatori  di pecore toscani che non sono in regola con le normative del piano lupo in vigore che risale a qualche anno fa, in quanti quasi tutti non hanno le recinzioni a norma per il ricovero notturno delle pecore e ben il 27% non h il cane pastore. MENTRE IL 65% dei cani abbandonati in centro Italia con particolare riferimento alle zone della transumanza e dell'allevamento ovino e caprino sono cucciolate di maremmani abbandonati dagli stessi pastori ovviamente non sterlizzati che in qualche caso si accoppiano anche con i lupi.  Ed ovviamente su queste situazioni COLDIRETTI e le altre associazioni di categoria tacciono, anzi fanno orecchie da mercante quando gli si chiede di mettersi in regola. Infine ci sono i cacciatori e i bracconieri che per noi sono la stessa cosa: assassini di animali, dal nostro punto di vista la caccia andrebbe abolita ed il bracconaggio punito con i lavori forzati. Ma questa è un altra storia. 

sabato 29 aprile 2017

AD AIDAA I DUE PITBULL DI OLGIATE OLONA.

OLGIATE VARESINO (29 APRILE 2017) - Ricorderete tutti la vicenda dei due pitbull di olgiate varesino che erano stati messi sotto sequestro per aver aggredito e morsicato due bambine. Noi avevamo dato la nostra disponibilità alla loro rieducazione, bene qualcosa si muove, come potete vedere dalla lettera qui sotto riportata AIDAA è stata contattata dall'avvocato difensore della padrona dei Pitbull che devono trovare un percorso di recupero, bene ho già sentito l'avvocato, ribadita la nostra disponibilità a prenderci in carico i due pitbull che altrimenti rischiavano di essere soppressi il prossimo 15 maggio. Ma li salviamo e ce li teniamo stretti. 


venerdì 28 aprile 2017

LUPO SCUOIATO. TAGLIA SUGLI ASSASSINI

LIVORNO (28 APRILE 2017) Una taglia da 30.000 euro è stata offerta dall'ASSOCIAZIONE ITALIANA DIFESA ANIMALI ED AMBIENTE a chiunque aiuterà a individuare, denunciare e far condannare i responsabili dell'uccisione e dello scuoiamento del lupo fatto trovare appeso su un cartello stradale nel territorio del comune di Suvereto sulla strada che porta a Monterotondo. le segnalazioni potranno essere inoltrate telefonicamente al numero 3511804615.

AGGIORNAMENTO ALLE ORE 9.51 DEL 29 APRILE
Sono arrivate due segnalazioni telefoniche, al momento abbiamo chiesto alle due persone che ci hanno chiamato di rivolgersi direttamente alle forze dell'ordine e di inviarci quanto dettoci per iscritto. Al momento non riteniamo di diffondere ulteriori informazioni.
AGGIORNAMENTO ALLE ORE 16.01 DEL 29 APRILE
Abbiamo ricevuto la gradita telefonata del capitano Cristiano Manni dei Carabinieri Forestali, con il quale abbiamo stabilito un contatto continuo al quale riferiremo le informazioni che man mano riceveremo. Chiunque inoltre abbia informazioni in merito alla vicenda dl lupo ucciso e scuoiato può contattare via email lo stesso capitano a questo indirizzo c.manni@forestale.carabinieri.it



IL PROCESSO AGLI ASSASSINI DEL CANE ANGELO

Rinviato al 18 maggio il rito abbreviato. Dovrebbero legarli gli assassini di angelo e buttare la chiave

DENUNCIATI I TRAFFICANTI DI CANI

Dietro il furto che va avanti da anni dei cani delle cave di Guidonia, Tivoli, dei cani spariti a Stacchini e al giro di cuccioli spariti e rispuntati in altre parti d'ITALIA ed in Germania, ci sta un'organizzazione apparentemente regolare, ma che in realtà è mandante di furti di cani che poi finiscono nei canili del nord Europa. Ecco le prime pagine della lunga denuncia e allegati che abbiamo inviato questa mattina alla procura di Tivoli e al comando dei Nas del ministero, abbiamo deciso di lasciare i nomi perchè riteniamo che la gente sappia con chi ha a che fare. 
la prova di spedizione della denuncia

giovedì 27 aprile 2017

MULTA TORRI BENACO. PROVE MANIPOLATE?

SOLO IN QUEL PAESE ALLE 18.10 DEL 20 FEBBRAIO C'ERA IL SOLE.... 
Ci viene da ridere, null'altro, vedendo quelle che a detta del sindaco e dei vigili di Torre del Benaco sarebbero le prove fotografiche che incastrerebbero a loro dire senza ombra di dubbio il proprietario dei cani che avrebbe fatto fare la pipì contro un cestino dei rifiuti e poi sarebbe fuggito. secondo la multa l'uomo sarebbe stato riconosciuto attraverso la prova fotografica e poi identificato mezzo carta di identità. E qui viene il bello. Allora secondo quanto dice il verbale  (foto 1) la multa sarebbe stata comminata il 20 febbraio alle ore 18.10 e a quell'ora era buio. Sempre secondo il verbale dei vigili la persona multata era stata identificata e riconosciuta come da relazione fotografica allegata. Peccato che dopo aver fatto richiesta di accesso agli atti al nostro amico multato è stata presentata una foto scattata presumibilmente di giorno dove si vede un cestino dove forse ci ha fatto pipì un cane. Del multato e dei suoi cani nella relazione fotografica nemmeno l'ombra. Allora a parte il ridicolo di una foto che viene scattata in piena luce del sole quando invece sarebbe buio (basta vedere l'esposizione dell'ombra per capire che non è luce artificiale) dove stanno le prove che il cane urinatore e quello del nostro amico? Se queste sono le prove fotografiche in possesso di quel comando di polizia locale insieme al fatto che la multa porta la data di nascita errata appare evidente che siano di fronte a una vera e propria manipolazione che meriterebbe a nostro avviso un bell'esposto alla procura. Cosa che non escludiamo di fare nei prossimi giorni. 
LA MULTA DA CUI SI DESUME DATA NASCITA ERRATA E ORARIO DELLA CONTRAVVENZIONE