mercoledì 18 gennaio 2017

TERREMOTO.CROLLANO 2 STALLE. 90 ANIMALI MORTI E FERITI

Due stalle di aziende terremotate sono crollate a Gualdo, nel Maceratese, per il peso della neve uccidendo o ferendo una novantina di capi tra mucche e pecore. A darne notizie è la Coldiretti dopo le segnalazioni giunte dall'azienda Lai e dall'azienda Castello di Beccerica mentre è tornato l'incubo delle scosse. Sul posto si sono immediatamente recati il direttore regionale della Coldiretti, Enzo Bottos, e i funzionari degli uffici locali dell'organizzazione. Da Beccerica è venuta giù la stalla lesionata dal terremoto. Sotto le macerie sono rimaste circa settanta mucche, e si sta ora operando per capire quante ne siano morte e quante ferite. Nell'azienda Lai il peso della neve ha fatto crollare la struttura temporanea dove gli animali erano stati sistemati per ripararli dalla bufera di ghiaccio, uccidendo venti tra pecore e agnelli.  Entrambe le aziende erano da cinque mesi in attesa del modulo promesso dalla Regione. Si allunga così il conto degli animali morti, mentre seicento mucche e cinquemila pecore sono ancora sepolte dalla neve, secondo una stima di Coldiretti. "Ora chi ha sbagliato deve pagare poiché non è accettabile che si sia arrivati ad oggi con appena due stalle mobili completate rispetto a quelle necessarie per un terremoto che ha colpito cinque mesi fa – accusano il presidente di Coldiretti Marche, Tommaso Di Sante, e il direttore Enzo Bottos –. Ma le esperienze del passato testimoniano che ci sarebbe stato tutto il tempo per evitare di lasciare in balìa del freddo e del gelo anche gli allevatori danneggiati dal sisma di ottobre. E anche la famosa ordinanza 5 che permetterebbe alle aziende di ordinare da sole le strutture è oggi inapplicabile a causa della mancanza di indicazioni dalla Regione su costi, materiali e caratteristiche tecniche. Un problema chiaro a tutti tranne che a quegli esponenti dell'ente che qualche giorno fa si rammaricavano di non avervi fatto ricorso prima. Ora ci muoveremo assieme agli allevatori per individuare le responsabilità e agire di conseguenza".

CAPRE IN AUTOSTRADA TRAFFICO IN TILT

(ANSA) - TAGGIA (IMPERIA), 18 GEN - Un branco di caprette ha scavalcato la recinzione sull'Autostrada dei Fiori, all'altezza di Taggia, e ha invaso la carreggiata mandando in tilt il traffico per alcuni minuti. L'insolito ingombro è stato segnalato dagli automobilisti. Sul posto Polstrada e personale di Autostrade che si è messo a 'caccia' e ha spinto le caprette oltre la recinzione sulla collina. E' successo stamani verso le 10,30. Dalla centrale operativa dell'A10 fanno sapere che non è stato necessario interrompere la circolazione, ma soltanto rallentarla e incanalarla per alcuni minuti.

FREDDO. ELICOTTERI PER PORTARE CIBO AGLI ANIMALI IN MONTAGNA

 5 MILIONI DI ANIMALI A RISCHIO MORTE FAME E FREDDO
Roma (18 gennaio 2016) - Non solo due milioni di cani e gatto a rischio congelamento, e quarantamila cani randagi che vivono sulle montagne nelle regioni del centro sud Italia stanno scendendo a valle per chiedere cibo avvicinandosi nei paesi, ma ci sono anche decine di migliaia di animali selvatici a partire dalla fauna del bosco a rischio morte per fame e freddo in questi giorni. Sono oltre cinque milioni gli animali che in questi giorni sono a rischio morte per fame e freddo. Molti di loro si stanno avvicinando ai paesi a cominciare dal cani selvatici e dai lupi. Da qui la proposta di AIDAA di usare elicotteri per gettare quantità di cibo sufficiente per sfamare gli animali del bosco che i cani randagi che vivono sulle montagne. "Ci stanno arrivando diverse segnalazioni da Molise, Abruzzo, Basilicata e Calabria di branchi di animali, non solo cani, affamati che si stanno avvicinando ai paesi- ci dice Lorenzo Croce presidente di AIDAA- quello che vogliamo evitare è la morte di questi animali, ma anche che la loro presenza possa essere come una minaccia per l'uomo evitando di arrivare a situazioni drammatiche con drastiche risposte, per questo chiediamo all'esercito di mettere a disposizione mezzi ed elicotteri per portare il cibo in montagna a questi animali".


MATERIALE INQUINANTE NEL CANTIERE DI VIA OJETTI?

silvia sardone ed il presidente aidaa croce durante la ricognizione al cantiere ojett
Prosegue la nostra battaglia su via Ojetti. In particolare in merito al cantiere dove la scorsa estate sono stati tagliati 17 meravigliosi tigli, Ora dopo che il cantiere è stato fermato per quasi due mesi per delle irregolarità nel progetto i lavori sono ripresi ed in realtà però si affaccia una nuova problematica. Secondo alcuni infatti pare che per fare "il fondo" sia stato gettato del materiale proveniente da abbattimenti di case e palazzi e quindi contenenti materiale tossico o comunque non regolamentare. Ora la vicenda è finita nientemeno che sul tavolo del consiglio comunale di Milano, in quanto la consigliera comunale di Forza Italia Silvia Sardone dopo aver visitato personalmente nel mese di dicembre il cantiere in compagnia dei residenti e del presidente di AIDAA Lorenzo Croce ha presentato un interrogazione consiliare che riportiamo qui sotto. 
il testo dell'interrogazione

martedì 17 gennaio 2017

LUPA MORTA TRAFITTA DA UN RAMO

(ANSA) - AOSTA, 17 GEN - E' morta per un trauma accidentale dovuto a un ramo che ha perforato il torace e non per un colpo d'arma da fuoco, come ipotizzato inizialmente, la lupa ritrovata a Introd il 9 gennaio scorso. Lo hanno stabilito le analisi e le indagini svolte dall'Istituto zooprofilattico sperimentale del Piemonte, Liguria e Valle d'Aosta. "Tale ipotesi - spiega una nota diffusa oggi dalla Regione - è peraltro suffragata dalle attività di indagine svolte e dalla determinazione del luogo dell'incidente".

BRINDISI. CANE POLIZIOTTO IN CONGEDO CERCA CASA

ANSA) - ROMA, 17 GEN - E' un magnifico pastore tedesco in cerca di adozione. Warren, cane poliziotto in servizio a Brindisi, 16 anni è stato 'congedato', dopo sei anni di lavoro, per motivi di salute. Ora cerca una casa per la sua meritata 'pensione'. La Polizia ha raccontato il suo caso in un tweet in cui si forniscono anche le modalità per adottarlo. "Warren - racconta il suo conduttore - ha un carattere socievole e si ambienta facilmente, ed uno sguardo del quale non ci si può non innamorare". Generalmente i cani della Polizia quando non possono più svolgere il lavoro per cui sono stati addestrati vengono adottati dal loro conduttore ma non sempre il poliziotto ha la possibilità di portarsi a casa il cane così è nata l'idea dell'adozione, aperta sia a privati cittadini che ad associazioni.

FREDDO. SOSPENDERE LA CACCIA PER TUTELARE ANIMALI

Roma (17 gennaio 2017) - Il freddo di questi giorni sta mettendo a rischio molte specie animali, da qui la proposta- appello del presidente nazionale di AIDAA Lorenzo Croce al presidente del consiglio Paolo Gentiloni ed al ministro dell'Ambiente Gian Luca Galletti perchè con un provvedimento di urgenza sospendano la caccia in tutto il territorio nazionale da qui alla fine della stagione 2016-2017 al fine di tutelare le specie animali che già sono a rischio vita a causa del freddo di queste settimane. "Lasciare aperta la caccia in queste condizioni è un abominio verso gli animali- ci dice Lorenzo Croce presidente AIDAA- molte specie sono a rischio vita per l'assenza di cibo e per il freddo di queste settimane, l'appello al presidente del consiglio ed al ministro dell'Ambiente perchè subito sospendano il calendario venatorio a livello nazionale, ma anche ai singoli presidenti di regione affinchè sospendano la caccia a livello locale, ne va della vita di molte specie animali".