giovedì 29 ottobre 2015

INCROCIANO CANI CONSANGUINEI. DENUNCIATI


Due persone che hanno un'attività di allevamento e vendita di Animali nella provincia di Milano sono stati denunciati da AIDAA alla magistratura milanese in quanto gli stessi sono responsabili di aver fatto incrociare decine di cani di piccola razza in particolare chiwuawua e pinscher consanguinei (molti dei quali provenienti dalle stesse cucciolate importate clandestinamente dai paesi dell'est Europa) con lo scopo di ottenere dei cani di razza toy sempre più piccoli che poi venivano rivenduti senza alcun pedegree ad amanti delle razze. Trattandosi però di cani consaguinei molti di loro hanno dato segni di malattia gia dai primi mesi e tantissimi sono morti nel corso dei primi tre-quattro anni di vita. La segnalazione all'Associazione Italiana Difesa Animali ed Ambiente è arrivata proprio da persone che avevano comperato questi cani e che dopo alcuni mesi hanno riscontrato le malattie che hanno poi portato i cuccioli alla morte. Da qui la decisione di denunciare i due dopo mesi di controlli incrociati. Nei prossimi giorni attendiamo decisioni della magistratura. 

55.000 FILM PEDOPORNOGRAFICI E CON ANIMALI. ARRESTATO


(ANSA) - CATANIA, 29 OTT - Aveva messo su Internet 55mila tra immagini e video a contenuto pedopornografico catalogandoli per genere, con contenuti molto crudi come abusi sessuali su bambine in tenerissima età commessi da adulti o da animali. Materiale che è stato trovato a casa di un 38enne della provincia di Udine mentre lo condivideva in rete, facendo così scattare l'arresto, in flagranza di reato, da parte della polizia postale di Catania e Torino che indagavano su di lui, su deleghe delle rispettive Procure.Tra i video anche molti di sesso con animali. E' il primo arresto in Italia e ne siamo fieri.

mercoledì 28 ottobre 2015

HALLOWEEN. TORNANO LE RONDE AIDAA

HALLOWEEN. TORNANO LE RONDE DI AIDAA

Roma (28 ottobre 2015) – 3.500 gatti a rischio morte nella notte di Halloween a causa dei riti esoterici. Quest'anno saranno cinquecento i volontari AIDAA e di altre associazioni che si muoveranno nella notte compresa tra il 31 ottobre ed il 1 novembre nelle zone considerate a rischio per la celebrazione di questi sacrifici. Le zone maggiormente a rischio sono concentrate nelle regioni del Nord Italia ma anche in Umbria, Puglia, Abruzzi e Sicilia si annidano i nuovi gruppi esoterici che proprio nella notte di Halloween potrebbero sacrificare gatti neri ed altri animali.
L'attenzione delle ronde sarà concentrata specialmente nelle località di Piemonte, Lombardia, Veneto ed Emilia.
Di seguito i link con le mappe delle zone a rischio sacrificio e della sette esoteriche che compiono riti sacrificali con animali e gatti neri in particolare

elenco sette e zone dove operano


CON LE ELEMOSINE SI E' COMPERATO ANCHE I FUCILI DA CACCIA


Ozegna (28 ottobre 2015) Sembrava che il servizio di Striscia la Notizia avesse portato alla definitiva assoluzione del prete cacciatore di Ozegna che ha in casa un vero e proprio arsenale e da noi accusato formalmente con un esposto alla procura della repubblica di Torino di aver usato i soldi delle elemosine per pagarsi la licenza di caccia. In realtà a qualche giorno di distanza da quel servizio si sono invece scatenati i paesani di don Luciano Bardesono che hanno segnalato ulteriori irregolarità nella gestione dei soldi raccolti in chiesa con i quali pare certo che negli anni scorsi il prete si sia comperato anche alcuni dei suoi fucili da caccia e da guerra di cui dispone nella sua stanza da letto a fianco dell'inginocchiatoio. Il presidente di AIDAA Lorenzo Croce va giu duro: "Mi hanno accusato di essere un mitomane- ci dice- ma il realtà i pazzi sono quelli che difendono questo prete che da cinquantanni distrae soldi destinati ai poveri per comperare i fucili e pagarsi le licenze di caccia. E quando non lo fa con i soldi della chiesa lo fa con i soldi del suo stipendio di insegnante di religione. Insegna la pace e con il ricavato ci compera armi da guerra".

SEVIZIAVANO LE CAPRE. ALLEVATORI A GIUDIZIO


Accusati di aver sgozzato diverse capre per farle morire dissanguate senza prima averle stordite, di averle macellate clandestinamente e di aver gettato gli scarti vicino alle stalle, due allevatori di Nus, padre e figlia, sono finiti a processo. Guido Chaussod, di 61 anni, ha chiesto il patteggiamento a due mesi e 20 giorni di reclusione, con sostituzione in libertà controllata. Rita Chaussod (33) ha presentato istanza di rito abbreviato. I fatti nel novembre 2014 erano stati denunciati dall'Associazione Italiana Difesa Animali ed Ambiente.

MAC MAHON: PIANTE TUTTE SALVE


Ci comunicano i rumors del cantiere di Via Mac Machon che la prossima settimana si avvieranno i lavori di attraversamento di via Principe Eugenio con le rotaie. Sempre dalle stesse fonti apprendiamo che le piante sono tutte salve, nel corso dei lavori ci sarebbero state solo delle difficoltà con alcune radici, per cui nei punti di interferenza si sono sostituite le traversine di cemento con quelle di ferro che sono più corte, ed in alcuni casi sono state ulteriormente accorciate per permettere di risolvere la situazione. "I lavori vanno nella direzione da noi auspicata- ci dice Lorenzo Croce presidente di AIDAA- ma non per questo abbasseremo la guardia sul cantiere".

CANE NON CURATO. DENUNCIATA IL SINDACO DI VERBANIA

Verbania (28 ottobre 2015) - "Il cane Tornado presente nel canile di Verbania si trova da mesi in queste condizioni e non è mai stato sottoposto ad alcuna cura per accertare il suo reale stato di salute per questo abbiamo denunciato per violazione della legge 281/91 e per maltrattamento di animali il sindaco di Verbania Silvia Marchionni e abbiamo chiesto alla procura di verificare se ci sono responsabilità da parte della cooperativa che gestisce il canile comunale e chiesto nel contempo all'ASL Veterinaria perchè provveda per la salute del cane". A parlare è Lorenzo Croce presidente nazionale dell'AIDAA che ha presentato questa mattina denuncia formale contro il sindaco di Verbania per il reato di maltrattamento chiedendo altresi che venga verificata la responsabilità dei gestori del canile nelle mancate cure del cane Tornado.
la denucia presentata contro il sindaco di verbania
il cane tornado con il suo tumore non curato

NATURA EXPO E VEGAN OK INSIEME


ricevo e volentieri ospito.

Nuovo importante appuntamento VeganOK, 27-28-29 Novembre 2015, Natural Expo, RiminiFiera l'innovativa "Area VeganOK" dedicata al mondo vegan per alimentare corpo, anima, e mente dove si svolgeranno incontri, conferenze ed approfondimenti in tema di corretta alimentazione e diritti animali.

Non mancare alla 10° edizione del grande evento autunnale legato al vivere naturale, che offre una vasta scelta di proposte e prodotti innovativi per il benessere: cosmesi naturale, alimentazione biologica e vegana, risparmio energetico, arredamento, erboristeria e medicina alternativa. 

Novità assoluta di quest’anno la speciale “Area VeganOK” per dare spazio e voce a tutte le realtà sensibili al mondo Vegan! 

Renata Balducci, Presidente dell’Associazione Vegani Italiani Onlus e divulgatrice dell’Etica Vegan, sarà la padrona di casa del programma conferenze dove medici, nutrizionisti, specialisti, membri del comitato scientifico ed etico di AssoVegan, parleranno di alimentazione sana ed etica, diritti animali e diffusione vegan.

Non mancheranno le dimostrazioni di cucina vegan, con tanti chef che per l'occasione prepareranno piatti fantasiosi, sani e gustosissimi e la presentazione del libro "Le ricette di Veganblog.it", il libro ufficiale della più estesa community Vegan d'Italia, edito da Macro Edizioni. Inoltre il Ristorante I Pini effettuerà il servizio di ristorazione certificata VeganOK, per far assaporare a tutti i visitatori, vegani e non, tante prelibatezze certificate VeganOK.

In esclusiva per i visitatori del Natural Expo, sempre nell'Area VeganOK, la presentazione del calendario “Italian Vegan Men”, di Elisabetta Xsavar, fotografa professionista, che ritrae modelli e atleti rigorosamente vegani. Il calendario è inoltre certificato VeganOK proprio a sottolineare l’eticità che sta alla base del progetto. Non mancheranno quindi,  in qualità di ospiti e testimonial, numerosi atleti che hanno scelto di vivere eticamente senza per questo farsi mancare nulla. Anche dal punto di vista della bellezza estetica.

Gli eventi che si svolgeranno nell’Area VeganOK saranno ripresi in esclusiva da VeganOK TG News. Sarà inoltre possibile per le aziende farsi conoscere attraverso un servizio trasmesso sul canale ufficialewww.veganok.tv con copertura web e su Teleambiente canale 78 e 218 del digitale terrestre (Lombardia, Lazio, Umbria, Marche, Campania), nonchè  condivise sulle pagine social del Network (VeganOK, VeganOK T News, Promiseland, Veganblog)

Non perdere questa speciale edizione del Natural Expo... Finalmente VeganOK!

PRENOTA SUBITO IL TUO SPAZIO ESPOSITIVO, SCRIVI A:
Claudia Cortini
cell. +39.346.5050333
info@naturalexpo.it

ENRICO RIZZI. IL PIANTO DEL PARASSITA!


Secondo alcune indiscrezioni trapelate ieri sera Enrico Rizzi sedicente portavoce del sedicente partito extraparlamentare animalista noto per insultare i morti e fare scena solo davanti alle telecamere gia cacciato da diversi movimenti ed associazioni nonchè storico leccaculo di Fini e candidato (TROMBATO) alle elezioni con FLI (nelle cui liste c'erano i cacciatori e i vivisettori) avrebbe querelato il presidente di AIDAA Lorenzo Croce che cosi ribadisce: "Enrico Rizzi chi? Il parassita? Io mi occupo di animali non di parassiti, Enrico Rizzi sta al mondo animalista come una zecca sta al cane. Succhia il sangue e porta malattie. La differenza è questo parassita umano e le zecche è che lui ha anche i condotti lacrimali e quindi è un parassita che piange La querela di Rizzi- conclude Croce- è carta straccia non utilizzabile nemmeno per i bisogni fisiologici".

martedì 27 ottobre 2015

QUANDO CACCIAI ENRICO RIZZI DA AIDAA

Avrete letto che il signor Enrico Rizzi che definisce coordinatore del partito animalista (che però si definisce organizzazione extraparlamentare e quindi dovrebbe mettersi d'accordo con ste stesso almeno sui termini) in questi giorni ha visto bene di attaccarmi in merito alla vicenda di Striscia la Notizia. Ovviamente l'animalaro di Trapani amico e leccaculo di Gianfranco Fini si è ben guardato nel suo attacco di dire una sola parola di condanna al prete cacciatore che ha in casa otto fucili e che uccide da cinquantanni animali inermi, ma l'animalaro ha visto bene di usare questa vicenda per accusare me di essere uno che racconta balle? MA DOVE SONO LE BALLE? FORSE CHE IL PRETE NON E' UN CACCIATORE? Il problema di questo signore (uno dei tanti credo) è che lo stesso personaggio anni fa dopo essere passato da diversi gruppi di varia estrazione è approdato, o meglio voleva approdare anche da noi in AIDAA, conoscendo l'infamello che usa gli animali per farsi pubblicità e si inventa agguati ed incidenti stradali di cui non ci sono prove manco a cercarle con il lanternino l'ho cacciato da subito a calci in culo, questo avveniva sei anni fà, da qui il suo odio contro la mia persona e contro coloro che amano gli animali. E mentre noi ci battiamo per gli animali e per l'ambiente lui si è messo in lista per le elezioni con Futuro e Libertà di Gianfranco Fini facendo una figura di palta degna dei peggiori sfigati. Rizzi ovviamente non ha ancora digerito di essere stato cacciato a calci in culo non solo da AIDAA ma da altri gruppi animalisti, e continua con il suo odio, che però non riversa sui cacciatori (tranne su quelli morti) ma sugli animalisti. Alla faccia della coerenza del piccolo fiammiferaio trapanese.
ENRICO RIZZI. CACCIATO A CALCI DA AIDAA E DA ALTRI GRUPPI E AMICO DI GIANFRANCO FINI

I TRAFFICI DI LIDIA PESCHENCHERA


Avevo deciso di non tornare su questa donna di cui ho uno sgradevole ricordo anche personale per il suo modo di comportarsi e parlare, ma devo assolutamente dire due cose su Lidia Peschenchera la prima è che quella che ho fatto alla signora è una vera querela per traffico di animali. Di cosa la accuso? Di aver rubato soldi alla gente attraverso le donazioni sulle sue poste pay e di aver destinato quei soldi a tutto tranne che ai cani. La seconda cosa riguarda Striscia che ha sostenuto questa signora nel suo servizio senza verificare minimamente che la stessa è sottoposta a indagine giudiziaria dalla procura di Pavia per i reati che gli ho contestato. Quindi fino a prova contraria questi si sono affidati a una trafficante. Tanto per essere chiaro il fascicolo che riguarda l'inchiesta su questa donna porta il numero 2792/15 presso il tribunale di Pavia.

MILLE VOLATILI PROTETTI IN AUTO:DENUNCIATO


(ANSA) - POZZALLO (RAGUSA), 27 OTT - La Gdf di Ragusa ha sequestrato a Pozzallo mille uccellini, alcuni di specie protette, che erano in un'auto guidata da un calabrese di 56 anni diretto a Malta. Il conducente non ha aveva alcuna documentazione sui volatili e il veterinario ha attestato l'appartenenza degli esemplari a specie protette quali fringillidi come cardellini e verdelli. Il conducente è stato denunciato per maltrattamento di animali e trasporto illegale di esemplari volatili appartenenti a fauna protetta.

PITBULL AGGRESSIVO. DENUNCIATO PROPRIETARIO

FOTO DI REPERTORIO

(ANSA) - MONZA, 27 OTT - Il proprietario di un Pittbull é stato denunciato per lesioni colpose, omesso controllo di animale e violazione di disposizioni emesse dalle autorità, in seguito all'aggressione a due persone da parte del cane avvenute ad Arcore (Monza). L'animale é stato sequestrato dai carabinieri e affidato a una struttura su disposizione della Procura della Repubblica di Monza. Aveva ricevuto un ammonimento dall'Asl che lo obbligava a portarlo a spasso legato e con museruola.

FRANCESCA SORRENTINO E LE SUE TRUFFE SUI CANI


Francesca Sorrentino, madre e moglie di carabinieri è una truffatrice di cui si sta occupando la guardia di Finanza e la stessa arma dei carabinieri. Ma non è un truffatrice qualsiasi, infatti lei le truffe le fa utilizzando i cani.  Due sono i sistemi messi a punto dalla donna che è stata gia denunciata non solo da noi. Ecco come ha truffato i suoi compaesani e coloro che prendono i cani da lei.
LA TRUFFA DELLE FINTE STERILIZZAZIONI
Francesca Sorrentino facendosi forza di essere la moglie del maresciallo dei carabinieri del piccolo paese in provincia di Cosenza dove vive ha visto bene di girare il paese chiedendo soldi per le sterilizzazioni dei cani randagi. Peccato che questa megera ha preso i cani caricati e poi scaricati in montagna, i soldi per le sterilizzazioni li ha invece usati per i suoi viaggi in Puglia dove aveva un medico amante. 
LA TRUFFA DEI CUCCIOLI
Lo abbiamo gia spiegato, la donna prende le cagne gravide per strada e le fa cucciolare per poi vendere gli stessi a 70-80 euro l'uno dicendo che i soldi servono per le vaccinazioni, in realtà i vaccini li compera e li fa lei senza alcun ausilio veterinario. Ma la cosa più grave è che questa donna rimette poi le cagne in strada per farle ingravidare di nuovo.
Francesca Sorrentino è sotto inchiesta giudiziaria.

ECCO LA STORIA DELLA TRUFFATRICE CALABRESE
http://aidaa-animaliambiente.blogspot.it/2015/09/francesca-sorrentino-quella-che-lucra.html

IL SINDACO DI VERBANIA NON FA CURARE IL CANE. DENUNCIATO

Una nuova denuncia  nei confronti del sindaco di Verbania e dei nuovi gestori del canile comunale per il reato di maltrattamento di animali e allo stesso tempo oggi invieremo una diffida alla ASL Veterinaria di Verbania in relazione alla presenza di un cane presente nel canile comunale, che a detta di molti, ed anche di noi non viene sottoposto alle cure del caso. Stiamo parlando di Tornado (vedfere le foto qui sotto riportate) che da mesi ha un rigonfiamento visibile che gli crea non pochi fastidi,ma al momento il cane non è stato sottoposto alle cure necessarie. da qui la decisione di AIDAA e del suo presidente di denunciare il sindaco della cittadina che ai sensi della legge 281/91 è responsabile del benessere di tutti i cani vaganti o presenti in canile della sua città. Ma non è tutto nello stesso canile che ho visitato personalmente domenica c'è un cane presunto morsicatore rinchiuso da diverse settimane nel canile sanitario, senza che si stia provvedendo al suo recupero. Anche per questo chiederemo spiegazioni alla ASL. 



IL RIGONFIAMENTO COME VEDETE DALLE FOTO CRESCE A DISMISURA E NESSUNO LO CURA PERCHE'??

lunedì 26 ottobre 2015

CARNE CANCEROGENA? AIDAA: SI SCRIVA SULLE CONFEZIONI


Roma (26 ottobre 2015) - Dopo l'allarme delle organizzazioni mondiali che hanno confermato che alcune carni lavorate sono cancerogene e comunque hanno la stessa pericolosità delle sigarette l'ASSOCIAZIONE ITALIANA DIFESA ANIMALI ED AMBIENTE - AIDAA chiede al ministero della salute che tutte le confezioni di carne lavorate considerate a rischio cancerogeno portino sulle confenzioni la dicitura: "FA VENIRE IL CANCRO".

GATTA TRAFITTA FIOCCANO LE SEGNALAZIONI

GATTA TRAFITTA. FIOCCANO LE SEGNALAZIONI


Treviso (26 ottobre 2015) – Dopo l'annuncio della taglia messa sul responsabile del ferimento di una gattina trafitta con una balestra fioccano le segnalazioni, sia telefoniche che via email in relazione non solo al possibile responsabile del ferimento per il quale sono in corso alcuni controlli per verificarne l'attendibilità,mentre molto interessanti sono i contributi scritti che danno indicazioni sul materiale. Complessivamente sono arrivate 11 segnalazioni, ultima delle quali questa mattina da un notaio di Treviso che si è reso disponibile a dare il proprio contributo per aumentare la taglia.  

ABBIATEGRASSO. NUTRIE A RISCHIO STERMINIO


La loro presenza era stata segnalata nello scorso mese di agosto, ora l'amministrazione comunale di Abbiategrasso ha deciso di sfrattare le nutrie della Fossa Viscontea che si trova nel Parco della Costituzione. Ora l'incarico di recuperarle e trasferirle è stato dato a una ditta specializzata, ma al momento non si sa quando e dove saranno portate queste nutrie, anche se si parla di interventi immediati gia nella prossima settimana di inizio novembre.

PERCHE' STRISCIA LA NOTIZIA CE L'HA CON ME

PERCHE' STRISCIA LA NOTIZIA MI HA ATTACCATO


Premetto che l'attacco di striscia la notizia me lo aspettavo, anzi me lo aspettavo più violento, dopo le bastonate che in questi anni abbiamo dato a loro. Quello che non mi aspettavo è che usassero personaggi sotto indagine e professionisti della politica con i quali non ho mai avuto contatti diretti per screditarmi.
Ma andiamo con ordine
LA VICENDA DEL PRETE CACCIATORE
Ho denunciato don Luciano sulla base di alcune segnalazioni dei suoi compaesani per il quale questo “santo uomo di chiesa” che ha in casa un arsenale e da 50 anni uccide animali inerti per mangiarli e per darli da mangiare al suo vescovo avrebbe preso i soldi della chiesa per pagarsi la licenza di caccia. A prescindere si tratta di un personaggio squallido, ma che guarda caso è appartenente ad una doppia lobby quella dei preti e quella dei cacciatori. Ma su questa vicenda non dico altro essendoci contro questo prete un procedimento giudiziario in corso dopo la mia denuncia.
I PRECEDENTI AIDAA-STRISCIA
LA VELINA GIULIA CALCATERRA
Ne cito solo tre per farvi rendere conto di quanto questa gente possa odiarmi. Il primo riguarda la vicenda della velina Giulia Calcaterra che è stata allontanata da Striscia dopo una questione legata alla morte del suo cane e da me denunciata per omissione di soccorso dell'animale e per maltrattamento. Delle due denunce,una è stata archiviata e l'altra no. E comunque sia il fatto che lei abbia dichiarato di aver fatto fare 70 km a un cane in torsione gastrica per portarlo dal veterinario appare evidente bugia.
STEFANIA PETIX
La signora siciliana di Striscia è stata segnalata in quanto in pieno luglio a Palermo con quaranta gradi portava il cane a fare le riprese con un cappotto di plastica. Si è offesa ma ha cambiato il cappotto al cane.
MICHELLE HUNZIKER
La bella Michelle che tanto fa l'animalista l'abbiamo pizzicata questa estate mentre sotterrava il cane nella sabbia per farsi fotografare. Abbiamo chiesto di verificare se ci sono gli estremi del maltrattamento. Accertamenti in corso.
Fin qui le vicende che ci hanno visti contrapposti a questi pseudo animalisti, va aggiunto che la Hunziker da vegetariana è tornata a mangiare carne sputando addosso al suo stesso passato dichiarandosi carnivora per amore
Infine ricordiamo anche le vicende giudiziarie del presentatore e fustigatore storico di Striscia EZIO GREGGIO che mentre si ergeva a fustigatore evadeva il fisco alla grande ed è stato costretto a pagare 45.000 euro di arretrati allo stato italiano. Persona limpida, si limpida di truffare lo stato ALMENO STANDO A QUANTO SCRIVE QUI SOTTO IL CORRIERE DELLA SERA.

E' chiaro che avendo attaccato questa gente e continuando a farlo siamo stati presi di mira .Abbiamo altre domande che porremo nei prossimi giorni ad alcuni di questi signori a partire da Luca Galtieri in relazione ad altre attività professionali per le quali parleremo a suo tempo.

I PERSONAGGI USATI PER ATTACCARMI
Stefano Apuzzo
Professionista della politica che dopo essere stato parlamentare verde, vive elemosinando il ruolo di assessore in diverse giunte comunali della Lombardia. E' presidente degli amici della terra associazione cacciata per indegnità morale dall'organizzazione internazionale di cui faceva parte.
E poi gli anti specisti dicono questo.
Lidia Peschencherica
Ha dichiarato che non sa perchè l'ho denunciata. VE LO DICO IO TRAFFICO DI ANIMALI E TRUFFA reati sui quali stanno indagando le forze dell'ordine.

Le altre vicende sono note, quella della gallina di Banderas è stato un mio scivolone ammesso sul quale tornano sempre per screditare, Sui topi il comune di Milano dice che non è vero ma non fornisce la prova del contrario e il nostro richiamo si rifà ad una notizia mai smentita del 2013
Su quello di Bufale un tanto chilo non mi dilungo oltre se non per dirvi che sono stati denunciati nei giorni scorsi per evasione fiscale.

Se avete avuto la pazienza di leggere credo che non servano altri commenti. Siamo, sono scomodo e per questo siamo nel mirino di truffatori, grassatori, politici di professione e altri personaggi simili. Quindi oggi provvedo a denunciare questa masnada di mistificatori e poi si procede alla grande, con i soldi che mi farò dare da lor signori costruiremo un bel rifugio per cani e gatti.  

venerdì 23 ottobre 2015

GATTA TRAFITTA: TAGLIA SUL RESPONSABILE

GATTA TRAFITTA. TAGLIA 4.000 EURO SU RESPONSABILE
anche in passato un gatto era stato trafitto


TREVISO (23 ottobre 2015) – Venuti a conoscenza del fatto che ieri una gatta è stata trafitta e ferita da una freccia di balestra nel comune di Refrontolo l'Associazione Italiana Difesa Animali ed Ambiente- AIDAA istituisce una taglia di 4.000 euro che verrà pagata a chiunque sia in grado di fornire informazioni che portino alla individuazione, denuncia e condanna del responsabile di questo atto di inaudita violenza. Le segnalazioni possono essere inviate online all'indirizzo direttivo.aidaa@libero.it oppure telefonando al 3479269949

DAL 12 NOVEMBRE CANI AMMESSI AL CIMITERO.


(ANSA) - GENOVA, 22 OTT - Poco dopo la novena dei defunti, giovedì 12 novembre, per la prima volta sarà possibile entrare nei cimiteri genovesi portando gli amici a quattro zampe. I visitatori delle tombe dei propri cari potranno portare i cani, tenuti al guinzaglio e con la museruola, e piccoli animali d'affezione dentro appositi trasportini a mano. Nei giorni scorsi il Consiglio comunale ha deliberato questa possibilità per tre giorni all'anno.

giovedì 22 ottobre 2015

UN TRANS SU DUE POSSIEDE E AMA UN CANE

UN TRANS SU DUE POSSIEDE (E AMA) UN CANE


Roma (22 OTTOBRE 2015) – Un transessuale su due possiede un cane quasi tutti di piccola taglia e lo ama alla follia. Questo il risultato di un sondaggio della presidenza nazionale dell'Associazione Italiana Difesa Animali ed Ambiente che ha intervistato 300 transessuali italiani e stranieri residenti nei capoluoghi delle regioni italiane. Su 300 ben 147 hanno dichiarato di possedere un cane, 130 di non possederlo mentre gli altri 23 non hanno risposto. Per quanto riguarda I tipi di cane sui 147 che hanno risposto 132 hanno dichiarato di possedere cani di piccola taglia in particolare chiwuawua e yorkie. Gli altri 15 hanno dichiarato di aver cani di media taglia. Unico dato negativo, solo 13 I trans che hanno dichiarato di aver cani meticci e presi dal canile di questi ben 8 risiedono nella capitale.

GATTA TRAFITTA DA FRECCIA BALESTRA


(ANSA) - TREVISO, 22 OTT - Una gatta è stata trovata gravemente ferita da una freccia di balestra. Il fatto è avvenuto nell'area di Refrontolo (Treviso), ed ora l'Ente protezione animali ha lanciato una richiesta di collaborazione a chiunque sappia dare informazioni per risalire al responsabile del gesto di stupida ferocia. Sull'episodio indagano i carabinieri. La gatta è stata intanto portata dai proprietari in uno studio veterinario, per essere curata. (ANSA).

ABRUZZO. ORSO BANCHETTA IN UN POLLAIO


(ANSA) - SULMONA (L'AQUILA), 22 OTT - Incursione di un orso marsicano in due pollai delle frazioni di Pettorano sul Gizio.  Ne hanno fatto le spese polli e conigli: molti uccisi, altri dispersi. Uno dei due pollai appartiene al presidente del comitato cittadino, Domenico Ventresca, che ha annunciato di voler scrivere al Prefetto dell'Aquila "affinché riunisca il comitato di sicurezza e sorveglianza al fine di ristabilire una situazione che si va facendo sempre più pericolosa per i cittadini e per gli orsi stessi".

ESOTERISMO. LE SETTE CHE UCCIDONO I GATTI NERI

MAPPA DELLE SETTE CHE SACRIFICANO ANIMALI E GATTI NERI IN ITALIA


Roma (22 ottobre 2015) – Non solo i gruppi storici dell'esoterismo,ma una vera e propria invasione di nuove chiese e gruppi esoterici che spesso nascono in rete e molti dei quali nella notte di Halloween sacrificano animali ed in particolare i gatti neri. Tra le ultime novità di questo mondo spicca un gruppo di adoratori fai da te di satana composto da sole donne che opera negli Abruzzi in particolare nella zona di Pescara e che si fa chiamare Ierudole di Ishtar dedite al sacrificio di animali ed in particolare di gatti e galline, sempre tra i gruppi che saranno tenuti sotto costante controllo troviamo anche i Iod Astrum Arod che sono a loro volta dediti a celebrare con sacrifici animali le loro festività e che operano nel Friuli Venezia Giulia. Sempre nel Nord Est ed in particolare in Veneto operano i seguaci italiani della setta giapponese di Shoko Asahara che sono dediti a ritrovi in spazi aperti e cimiteri e che da anni nella notte di halloween sacrificano all'interno di cimiteri della sponda veneta del lago di Garda. Nella zona dei laghi di Bolsena e Trasimeno e a Marta si danno invece appuntamento gli adepti dei gruppi esoterici e satanisti che si richiamano alle chiese esoteriche americane e particolare attenzione viene data ai circa 200 adepti del gruppo che si definisce della Confraternita di Efrem il gatto, in cui alla ricerca dei piaceri carnali si uniscono in alcune occasioni anche messe nere con il sacrificio di animali e nella notte a cavallo tra il 31 ottobre ed il 1 Novembre alcuni adepti di queste sette si trovano a sacrificare gatti neri nella zona di Marta e sul lago di Bolsena. I templari del sole d'oro invece operano in diverse zone italiane, in particolare nella val Pellice, nella zona di Arezzo in Toscana e sull'Appennino tosco-emiliano a loro fanno riferimento circa 200 persone che nella notte di Hallowen come durante i solstizi sono noti per la loro ritualità a base di sangue di animali compresi i gatti neri che vengono sgozzati. Sempre in Piemonte, ma anche nella zona di Genova e ultimamente nel Varesotto nella zona della diga del Panperduto operano dei gruppi esoterici che fanno riferimento originale al Sacro Cerchio dell'Alba dorata, questi gruppi si riuniscono prevalentemente proprio la notte di Halloween e dopo aver sgozzato gatti e polli si accoppiano tra loro in un orgia a base di sesso e sangue di animali che secondo i loro riti danno loro la forza. Durante la notte delle streghe ci sono anche riti di accoppiamenti con donne adepte consenzienti vergini. Nella zona di Roma, in particolare nelle vicinanze del cimitero del Verano e nella provincia di Perugia operano invece gli adepti della setta Orgasmo nero dediti alla violenza sugli animali (gatti neri compresi) e all'accoppiamento anche con gli stessi animali prima che gli stessi vengano sacrificati. Infine il gruppo più importante e in crescita dedito al sacrificio animale e che opera in Lombardia (Varese, Brescia e Lodi), Piemonte (Asti e Alessandria) a Roma e in Puglia (Brindisi) è quello denominato degli amici di Chtulu che opera solo con sacrifici di animali ed in particolare di gatti neri. “Queste sono solo alcune delle maggiori sette presenti che seguiamo da anni- ci dice Lorenzo Croce presidente di AIDAA- e che nella notte di Halloween in molti casi fanno sacrifici di animali e gatti neri, ma insieme a loro ci sono altri gruppi fai da te che operano in maniera nascosta e che monitoreremo con i nostri volontari nella notte tra il 31 ottobre ed il 1 novembre in diverse parti d'Italia”

CACCIATORI DIETRO CASA: UOMO SFIORATO DAI PALLINI


SAN GIORGIO DELLA RICHINVELDA. Prima il colpo di fucile, quindi il rumore tintinnante della pioggia di pallini contro i vetri dell’auto parcheggiata nel cortile di casa e sul tetto del container utilizzato come rimessa.
Cacciatori dietro casa. All’interno della moderna abitazione nella campagne di Aurava di San Giorgio della Richinvelda la famiglia Dean ha trascorso momenti da brivido. Era finita nel mirino, è proprio il caso di dirlo, di un paio di cacciatori che, domenica scorsa, pattugliavano i campi nei dintorni alla ricerca di lepri e fagiani.
I due si sono spinti troppo vicini alla casa e con un’irresponsabilità imperdonabile per chi imbraccia un’arma, hanno sparato verso l’abitazione per non farsi scappare la preda di turno.
Moglie e marito, i giovani Dario Dean e Valentina Biancu, che in quel momento (erano le 14) stavano caricando i bambini nell’auto, si sono trovati sulla scia della rosa di pallini che, solo per un miracolo, non li ha colpiti.
«La scena è stata delirante – spiega la giovana mamma, ancora scossa per quanto accaduto – Li abbiamo visti a una decina di metri imbracciare il fucile e, come se niente fosse, sparare senza considerare nemmeno l’idea che potevano esserci delle persone nei dintorni».
«Alle nostre grida, ben presto si sono uniti nella protesta alcuni vicini, preoccupati che fosse accaduto qualcosa di grave. Per come sono andate le cose, possiamo davvero ritenerci miracolati. I bambini giocano in cortile: non voglio nemmeno pensare cosa sarebbe potuto accadere se un solo pallino li avesse colpiti».
Segnalazione ai carabinieri. Di quanto accaduto sono stati subiti avvisati i carabinieri di Spilimbergo che, dal numero di targa dell’auto su cui i due si sono dileguati, sono riusciti a risalire al proprietario.
«Quello che più è incredibile – chiarisce la giovane mamma – è che la legge parla chiaro, e prevede che i cacciatori stiano a debita distanza dalle case (almeno 150 metri). Se volessimo far valere i nostri diritti, dovremmo procedere con una denuncia, prendere un’avvocato e spendere di tasca nostra, buttando via del denaro per una situazione che, se prevalesse solo un pò di buon senso, non avrebbe nemmeno dovuto verficarsi».
Spetta ora alla famiglia decidere se passare alla vie di fatto
oppure no, potendo contare sulla testimonianza dei residenti. Qualunque cosa si deciderà resta la gravità di quanto accaduto.
Fatto che riapre la scottante questione della sicurezza delle battute di caccia in aree limitrofe ai centri abitati.

ORRORE. DA EXPO VIA LIBERA A MAIALE TERMIZZATO

ennesimo orrore ad expo via libera al maialino sardo doc termizzato. riportiamo solo per correttezza il comunicato ansa dichiarando tutto il nostro disgusto.

(ANSA) - CAGLIARI, 21 OTT - Il Ministero della Salute apre all'esportazione del maialetto sardo proveniente da allevamenti certificati. La notizia è arrivata stamane, nel corso della Tavola rotonda organizzata dall'assessorato regionale della Sanità all'Expo di Milano. Sollecitato dall'assessore Luigi Arru, il direttore generale della sanità animale e dei farmaci veterinari del ministero della Salute, Silvio Borrello, ha espresso apprezzamento per quanto la Regione sta facendo sul fronte dell'eradicazione della peste suina, dopo anni di inerzia. "Certo non si può risolvere il problema in un anno - ha detto - Ci sono cose che devono essere corrette dal punto di vista organizzativo".
Tuttavia, Borrello ha annunciato che ora si potranno far partire dalla Sardegna le carni suine provenienti da allevamenti certificati. I rappresentanti nazionali di Assocarni hanno accolto con favore la notizia. "Ci sono ancora tante cose da migliorare - ha sottolineato l'assessore Arru - ma siamo sulla strada giusta. È indispensabile la collaborazione di tutti, a iniziare da quella tra gli assessorati alla Sanità e all'Agricoltura, e sinergia tra associazioni di allevatori. Facciamo rete, continuiamo a lavorare tutti per lo stesso obiettivo".
Sulla stessa linea l'assessore dell'Agricoltura Elisabetta Falchi. "Con il Programma di sviluppo rurale, approvato ad agosto - ha spiegato l'esponente della Giunta - si è voluta cogliere la sfida della qualità, produrre eccellenze alimentari. Stiamo destinando ingenti risorse al programma, in particolare sulla parte che riguarda il benessere animale e la produzione integrata. Immediatamente partiremo con misure che, crediamo, possono contribuire ad avviare la Sardegna verso la risoluzione definitiva della peste suina". Per Falchi e Arru, l'apertura all'esportazione delle carni termizzate è un segnale importante e atteso dalle tante aziende sarde che hanno mantenuto altissimi standard di biosicurezza, esempi virtuosi che ora potranno aprire i mercati. 
   

MANCAVA IN TAVOLA DA 4 ANNI - Il maialetto sardo "Doc" torna in tavola in tutto il territorio nazionale dopo quattro anni di blocco totale a causa della peste suina che gli ha impedito di varcare i confini della Sardegna. La Coldiretti, che ha messo in atto un vero e proprio pressing riuscendo ad ottenere una speciale deroga per consentirne il consumo nell'ambito dell'area di Expo, commenta positivamente la decisione del ministero della Salute di aprire all'esportazione fuori dall'Isola del maialetto cosiddetto termizzato, proveniente da allevamenti certificati.
"Era dall'11 novembre del 2011 che l'originale porcetto sardo non poteva varcava i confini della Sardegna, quando un decreto dell'Unione europea sospendeva le autorizzazioni all'esportazione di carni suine fresche e insaccate sarde, a causa delle recrudescenza della peste suina africana presente nell'Isola dal lontano 1978 - ricorda la Coldiretti - Sei giorni dopo, il 17 novembre, un documento emanato dal ministero della Salute chiarì che tale limitazione riguardava 'la macellazione di suini allevati in Sardegna e la lavorazione delle relative carni, nonchè la spedizione delle medesime e dei prodotti dalle stesse ottenuti, verso il restante territorio comunitario. L'11 ottobre del 2014 - ricostruzione l'organizzazione di categoria - veniva pubblicata sulla Gazzetta ufficiale europea, a firma del commissario per la Salute e le politiche dei consumatori Tonio Borg, la proroga fino al 31 dicembre del 2018 del divieto di spedizione di suini vivi, sperma, ovuli, embrioni, preparati e sottoprodotti a base di carni suine dall'Isola".
Oggi, proprio all'Expo, l'annuncio della ripresa delle esportazioni. 

mercoledì 21 ottobre 2015

SQUILIBRATO FA STRAGE DI ANIMALI IN FATTORIA

IL CANE FERITO DALLO SQUILIBRATO

TRIESTE Si presenta con un bastone di ferro o un badile, forse anche un’ascia. Prima prende a colpi il cane, un pastore Malinois, gli spezza una spalla e una zampa. Lo tramortisce e lo richiude in una gabbia. Poi si avventa sugli altri animali intorno. Apre recinti, libera cinghiali, maiali e altri cani. Ammazza senza alcuna pietà tutto quello che vede e riesce. Sono una cinquantina le galline, le oche e le anatre che, a fine mattinata, vengono trovate morte, stramazzate nel fango. Una sessantina i conigli uccisi. È una strage.
Quella strage è il frutto della follia di un uomo, con molta probabilità un cinquantacinquenne seguito dai servizi di salute mentale, ben noto nella zona per fatti più o meno analoghi avvenuti in passato, anche se di minor entità. Una follia che resta per qualche ora nel silenzio totale. Nessuno sa che nella tenuta di via di Peco, aBorgo San Sergio, è in atto una mattanza senza precedenti. Solo un dettaglio potrebbe far intuire qualcosa: il cinghiale di 140 chili che si aggira tra le vie del quartiere fin dalle prime ore del mattino, lo stesso che l’edicolante e la proprietaria dell’osteria di via Curiel si sono trovati improvvisamente davanti ieri, tra le 7 e le 8.30.

EMENDAMENTO TASSA SUI CANI E GATTI IN LEGGE STABILITA'?

PROPOSTA TASSA SUI CANI E GATTI IN LEGGE STABILITA'?


Roma (21 ottobre 2015) – Per il momento si tratta di rumors, anzi semplicemente proprio di voci di corridoio ma dopo la proposta dei comuni di Bolzano di introdurre la tassa sui cani si vocifera che alcuni deputati non certo amanti degli animali facenti capo ad uno schieramento trasversale che va dal Pd fino a Fratelli d'Italia (esclusi i 5stelle) stiano pensando di presentare un emendamento alla legge di stabilità per chiedere la reintroduzione della tassa di possesso sui cani e anche sui gatti. In passato la tassa sui cani esisteva ma è stata abolita parecchi anni fa, ma ogni tanto qualche deputato non si sa se per farsi facile pubblicità o perchè ci crede davvero ripropone sotto varie forme questa imposta. “Vogliamo dire in maniera preventiva che nessuna proposta di nuove imposte si cani e gatti passerà- ci dice Lorenzo Croce presidente di AIDAA- ci auguriamo che se davvero qualche deputato stà pensando a questo tipo di tassa faccia di corsa marcia indietro e non arrivi a proporre una simile sciocchezza, i deputati si diano invece da fare per proporre modifiche migliorative a favore delle famiglie con animali che oggi rischiano di non poter più mantenere fido e micio a causa della crisi economica”.

CALABRIA. TARTARUGA LIBERATA IN MARE


(ANSA) - ROCCELLA JONICA (REGGIO CALABRIA), 20 OTT - È stata liberata dalla Guardia costiera al largo di Roccella Jonica la tartaruga Ginevra, della specie "Caretta Caretta",soccorsa in mare nel 2014. L'esemplare in fin di vita, recuperato all'epoca da un diportista, è stato alimentato con un sondino gastrico che gli era stato applicato dopo un intervento chirurgico. Al termine del lungo periodo di cura nel Centro recupero tartarughe di Brancaleone l'animale ha potuto, in piena salute, riprendere il mare.

martedì 20 ottobre 2015

BOLZANO: TASSA SUI CANI? PROPOSTA ASSURDA

BOLZANO: TASSA SUI CANI? PROPOSTA ASSURDA



Bolzano (20 ottobre 2015) – AIDAA dice no a qualunque imposta sui cani compresa all'ultima assurda e demenziale proposta che arriva dal consorzio dei comuni della provincia di Bolzano che vorrebbe introdurre una tassa sui cani per coprire le spese di manutenzione delle aree cani. “E' assolutamente fuori discussione- dice Lorenzo Croce presidente di AIDAA- la tassa sui cani è una proposta che non sta in piedi. Che poi siano i comuni della provincia di Bolzano a fare questa proposta risulta addirittura provocatoria visti i soldi che lo stato passa loro per il solo fatto di essere comuni di questa provincia autonoma. Quindi nessuna tassa sui cani ne oggi, ne domani ne mai”.

TUTURANO: E' CACCIA ALL'ANZIANO KILLER DEI MICI

TUTURANO (BR) – E' CACCIA AL KILLER DEI GATTI
LA PROPRESIDENTE AIDAA ANTONELLA BRUNETTI


Brindisi (20 ottobre 2015) – Avrebbe circa settantanni il responsabile della sparizione e morte di almeno una decina di gatti sia randagi che di proprietà scomparsi (alcuni dei quali ritrovati poi cadaveri nella spazzatura) in questi giorni da Tuturano, una frazione di Brindisi che sarebbero stato catturati e poi uccisi e gettati nella spazzatura da un uomo presumibilmente del posto. Alcune segnalazioni sono giunte alla sede brindisina di AIDAA ed in particolare alla propresidente Antonella Brunetti che si stà attivando per segnalare la questione alla polizia municipale al fine di avviare i controlli del territorio per incastrare e denunciare l'anziano killer dei gatti che secondo quanto dichiarato da alcuni testimoni oltre a uccidere i gatti prenderebbe di mira anche i cani con lanci di oggetti contro i randagi che girano nella zona. “Sono oramai una decina i gatti, sia randagi che padronali, sia cuccioli che adulti che mancano all'appello in questi giorni- ci dice Antonella Brunetti propresidente di AIDAA- e dalle testimonianze raccolte pare che il killer di questi gatti sia un uomo sulla settantina non ancora del tutto identificato. Per questo- continua Brunetti- è importante che la popolazione locale si attivi per testimoniare qualora fosse a conoscenza di qualcosa e l'appello che faccio a tutti è anche quello di chiamare e filmare eventuali catture di gatti da parte di questo soggetto per poi inviarcele in modo da poterlo assicurare alla giustizia”.

BUTAC. IT DENUNCIATI PER EVASIONE FISCALE ED ALTRO

La stavo aspettando la reazione dei signori di Butac.it (quelli di bufale un tanto al chilo) e puntuale è arrivato il solito attacco pieno di insulti. Ma questa volta le motivazioni che stanno alla base di questo attacco sono molto serie, infatti questi signori sono stati da me denunciati in quanto evasori fiscali e sfruttatori di manodopera. 
Le cose stanno in poche parole cosi. Loro hanno un sito che attacca a destra e a manca con il solo scopo di far crescere le loro visite in quanto più persone visitano il loro sito, più la pubblicità (ed i guadagni per loro) aumentano. 
Ma non è tutto loro si nascondono dietro il fatto di non essere una testata giornalistica, bugia, loro sono testata giornalistica in quanto hanno una redazione e dei collaboratori pagati (in nero) per i quali non versano ne contributi ne tasse.
Troppo comodo. 
Da qui la denuncia alla guardia di Finanza di Bologna e la loro conseguente reazione dura. Ci attaccheranno ancora non ci sono problemi. Intanto noi li abbiamo denunciati e poi vediamo che cosa diranno i magistrati di questi signori che attaccano il prossimo e fanno affari truffando lo stato e nascondendosi dietro ridicoli pseduonimi.
ECCO LA DENUNCIA

CACCIATORI UCCIDONO AQUILA REALE



Non è bastato l'intervento della Polizia provinciale forestale, e nemmeno il soccorso del Centro fauna selvatica "Il Pettirosso", che ha cercato di salvarla. Uno splendido esemplare di aquila reale è morto dopo essere stato impallinato da un cacciatore, diversi giorni fa, nel bosco della zona di San Giacomo di Zocca, nel modenese. I veterinari hanno scoperto "oltre una decina di ferite provocate da altrettanti pallini", come scrivono in un comunicato. La polizia ha avviato subito le indagini: i reati, infatti, vanno dal danneggiamento di proprietà dello Stato, abbattimento di fauna particolarmente protetta e, visto che è stata abbandonata ad una lunga agonia, si può configurare anche il reato di maltrattamento. In queste foto l'aquila durante la "degenza" al centro di fauna selvatica.

SALVATA CAVALLA CHE NON RIESCE AD ALZARSI



(ANSA) - SAN GIULIANO TERME (PISA), 19 OTT - I vigili del fuoco di Pisa hanno soccorso una cavalla di trent'anni che non riusciva più ad alzarsi da sola e si era completamente adagiata a terra all'interno del suo box nel centro ippico Il Palazzetto di San Giuliano Terme (Pisa). Quinta, questo il nome dell'animale, era praticamente sdraiata a terra e adagiata sul fianco destro. I pompieri l'hanno imbracata e sono riusciti a portarla fuori dal box dove la cavalla si è alzata e ha ripreso a camminare spontaneamente.
   

FALCO FERITO TORNA A VOLARE



(ANSA) - POTENZA, 19 OTT - Un esemplare femmina di falco di palude, trovato ferito da due agenti della Polizia a Gravina in Puglia, è tornato libero nell'oasi di San Giuliano, a Matera, dopo tre settimane di cure nel Cras della provincia di Matera.
    Il falco era stato colpito da otto pallini di piombo di una cartuccia sparata da un bracconiere, che avevano determinato una frattura dell'ulna, "completamente recuperata". Il falco è stato dotato di un anello che fornirà "utili informazioni sui suoi spostamenti".

lunedì 19 ottobre 2015

RAPITO UN CANE OGNI 15 MINUTI

IN ITALIA SCOMPARE UN CANE OGNI 15 MINUTI



Roma (19 ottobre 2015) – I dati sono quelli tratti dal numero di denunce e dagli articoli che appaiono quotidianamente sui giornali oltre che delle segnalazioni che arrivano direttamente ad AIDAA e alle altre associazioni animaliste italiane. In Italia scompare un cane ogni quarto d'ora complessivamente ogni anno sono rubati tra i 95 ed i 100 cani al giorno, vale a dire circa 2900 cani al mese e complessivamente circa 35.000 cani l'anno. Sono numeri impressionanti, cosi come è impressionante scorrendo sia le segnalazioni, che le denunce e gli articoli di giornali scoprire che di questi più della metà sono cani di piccola taglia, di razza con predilezione per chiwuaua, pinscher e altre piccole razze con predilezione di cani di sesso femminile. Non mancano i furti su commissione di cani padronali di grossa taglia in particolare pastori tedeschi ma pur sempre di razza e di cani di particolari razze da caccia. Anche i luoghi dove avvengono i furti sono scelti con cura. I cani scompaiono infatti durante la passeggiate nei parchi e nelle aree apposite, ma sono in aumento furti di cani in casa e anche di cani lasciati soli in macchina. Tra le regioni in cui si registra la maggior sparizione di cani di proprietà vi sono il Lazio, seguito da Veneto, Lombardia, Emilia Romagna e a sorpresa in particolare per i cani da caccia Umbria e Sicilia.



CERCHIAMO VOLONTARI PER RONDE DI HALLOWEEN


Come ogni anno aidaa cerca volontari per le ronde contro il massacro dei gatti neri nella notte di Halloween. Le ronde consistono nel girare per alcune ore perlustrando una zona specifica in gruppi di tre o quattro persone nella notte compresa tra il 31 ottobre e il 1 novembre prossimo. Qualora si dovessero individuare persone sospette magari intenti a fare un sacrificio animale si dovrà immediatamente chiamare la polizia.
per adesioni  3479269949 oppure scrivere a direttivo.aidaa@libero.it

AIDAA : Il Circo con animali maltratta i minori e il livello di civiltà collettivo, il Sindaco Marino Bruno : “sono favorevole al loro utilizzo “

AIDAA : Il Circo con animali maltratta i minori e il livello di civiltà collettivo, il Sindaco Marino Bruno : “sono favorevole al loro utilizzo “

Brindisi ( 19.10.2015 ) – Gravissime le affermazioni del Sindaco di Francavilla Fontana ( Br ) Maurizio Bruno in merito alla Mozione “No Animali nel Circo “ presentata in consiglio comunale da parte di Rifondazione Comunista.

In data 15 Ottobre 2015 ore 15.38, Bruno, attraverso il social network di Facebook, rende nota la sua posizione sulla proposta avanzata dal partito , sottolineando di essere favorevole all’utilizzo degli animali nel circo, in quanto “compagni di vita dei circensi”, gli stessi animali- continua- “ vengono amati, coccolati e curati “ ed aggiunge “ si riproducono direttamente nelle strutture circensi, sintomo questo che addestratori ed operatori hanno acquisito una conoscenza tale da garantire ai loro animali condizioni di vita ottimali” , affermando, infine , che le “mele marce esistono in ogni categoria lavorativa” individuando solo in alcune persone incompetenti e incuranti la causa delle condizioni di vita non adeguate alle  esigenze degli animali nel circo.
-Le uniche condizioni compatibili con le caratteristiche etologiche di specie selvatiche ed esotiche- afferma Brunetti- sono quelle all’interno dei loro habitat naturali, senza abiti da pagliacci, lustrini, frastuoni, urla, luci abbaglianti, imposizioni, sottomissioni, detenzione in spazi angusti e, dove nessun pachiderma sognerebbe di alzarsi su due zampe o sedersi su uno sgabello in nome di uno spettacolo senza Arte. -

L’Arte è dell’uomo, quella dei virtuosismi acrobatici, dei clown,dei giocolieri, delle arti aeree, della musica e dell’illusionismo, non può esserlo sfruttare, domare, addestrare e asservire gli animali fatti esibire nei circhi.

il Sindaco Bruno, premette, inoltre, che “ in consiglio comunale ognuno , secondo coscienza, è libero di esprimere la propria opinione sull'argomento in questione”, ma, il medesimo, non tiene conto che tali valutazioni personali non devono incidere sulla vita, la dignità e il rispetto della stessa - utilizzare la vita di un senziente e approvarne la mercificazione non è un opinione personale ma un crimine contro la vita- afferma Antonella Brunetti Pro-presidente AIDAA.

Nel 2016 ci troviamo dinnanzi all'ipocrisia di una legge datata  in contrasto con l’accresciuta sensibilità generale nel disconoscimento all'uso degli animali nel circo, la stessa legge ,  in deroga con quelle sulla tutela animale, che riconosce alle imprese circensi una  -funzione sociale- che  coinvolge ormai una collettività sempre più ristretta e limitata; si prenda atto quindi che il problema non è la “mela marcia” o il caso di comprovato ed eclatante maltrattamento, quanto il  “modello circo con animali” che viola i diritti più elementari degli animali, il  maltrattamento è insito, figurarsi poi quanto implicato da detenzione, trasporto e addestramento , tutti ambiti di sofferenza.

“Fra i compiti di un primo cittadino dovrebbero rientrare quelli di fornire alla comunità input educativi e di rispetto, la dis-educazione alla violenza è uno degli aspetti prioritari per stilare i presupposti necessari alla formazione di nuove generazioni compassionevoli, rispettose, educate all'empatia e alla solidarietà-   i bambini al circo e allo zoo non conoscono e non entrano in contatto con il mondo animale,  ma conoscono sempre più il mondo umano, quello che prevarica e incrudelisce sui più deboli, che in questo caso sono gli animali. Il Rappresentante di una collettività ha responsabilità anche di carattere morale, ed è questa a permettere la civilizzazione.
Bisognerebbe rivoluzionare il concetto di educazione ,cui principio universale dovrebbe fondarsi sulla cultura del rispetto e dell’affettività, coltivare  funzioni che permettano la crescita di una collettività civilmente evoluta.

In Italia attualmente esiste un documento firmato da più di 600 psicologi che dichiarano :
Premesso
che la coesistenza con gli animali, dotati di dignità propria quali esseri viventi, è un’esigenza profonda e autentica della specie umana;
che le relazioni che stabiliamo con loro, lungi dall’essere neutre, sono elementi in grado di incidere sull’emotività e sul pensiero;
che il rapporto con loro è elemento di indiscussa importanza nella crescita, nella formazione, nell’educazione dei bambini;

“I sottoscritti psicologi
esprimono motivata preoccupazione rispetto alle conseguenze sul piano pedagogico, formativo, psicologico della frequentazione dei bambini di zoo, circhi e sagre in cui vengono impiegati animali.
Queste realtà, infatti, comportano che gli animali siano privati della libertà, mantenuti in contesti innaturali e in condizioni non rispettose dei loro bisogni, costretti a comportamenti contrari alle loro caratteristiche di specie.
Tali contesti, lungi dal permettere ed incentivare la conoscenza per la realtà animale, sono veicolo di una educazione al non rispetto per gli esseri viventi, inducono al disconoscimento dei messaggi di sofferenza, ostacolano lo sviluppo dell’empatia, che è fondamentale momento di formazione e di crescita, in quanto sollecitano una risposta incongrua, divertita e allegra, alla pena, al disagio, all’ingiustizia.
I sottoscritti psicologi
attenti a promuovere il benessere psicologico dell’individuo, del gruppo, della comunità, auspicano e sostengono un radicale cambiamento di costume che vada in direzione della chiusura degli zoo e del divieto dell’impiego di animali nei circhi e nelle sagre.”
( Dott.ssa Annamaria Manzoni )










Antonella Brunetti e il Sindaco Consales nella Campagna contro gli Animali nel Circo